• Area Covid-19
    .
  • deplazio
    The Department of Epidemiology of the Lazio Regional Health Service (DEP)
    is based in Rome and has over 30 years of experience
  • ambientale-valutativo

    The staff of the DEP has specific expertise in epidemiological methods
  • rischi ambientali
    Provide decision makers with the best epidemiological evidence
    to plan interventions to reduce health risks
  • esiti
    Outcome evaluation of health care
  • cure sanitarie
    Provide evidence to improve the quality
    and effectiveness of health care
  • inquinamento
    Assess the risks associated with
    short and long term exposure to air pollutants
  • cambiamenti climatici
    Assessing the health impact of climate change and extreme events

Registro Regionale Dialisi e Trapianti Lazio (RRDTL)

Parlano di noi….. la coorte Piccolipiù PDF Print E-mail

piccoli

Nel numero di ottobre la rivista Focus parla delle coorti nati in Italia e in particolare di Piccolipiù, un progetto coordinato dal Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario della Regione Lazio.

Il filone di ricerca che studia quanto l'organismo adulto conservi memoria dell'ambiente uterino più o meno favorevole in cui è cresciuto è noto come "origine fetale delle malattie".
Uno dei primi ad accorgersi di quanto conti il periodo trascorso nel pancione fu un epidemiologo inglese, David Barker. Analizzando i dati sulla morte per malattie cardiovascolari nelle contee inglesi negli anni ottanta si accorse che infarti e ictus erano più frequenti tra le persone che, alla nascita, pesavano poco. Come se una crescita stentata nell'utero in qualche modo influenzasse la "robustezza" dell'organismo negli anni a venire. L'ipotesi, cui inizialmente quasi nessuno credeva, ha trovato via via numerose altre conferme nei dati epidemiologici e clinici, e in osservazioni sperimentali.
Gli studi sulle coorti di nati hanno come obiettivo indagare attraverso quali meccanismi e per quali strade una "sofferenza" pre-natale (dovuta alla malnutrizione o ad altre cause durante la gravidanza) o altri fattori ambientali o individuali durante i primi mesi/anni di vita possano influenzare il rischio di malattie future, dall'obesità al diabete, dalle malattie cardiache a quelle respiratorie, forse perfino quelle mentali.
Mentre in Europa esistono da alcuni decenni studi di questo tipo e sono una settantina le coorti create a partire dall'inizio degli anni novanta, l'Italia ha iniziato a reclutare mamme e bambini in anni più recenti: in totale, ad oggi sono circa 12mila i piccoli arruolati negli studi, tra i 7mila di Ninfea (che recluta le partecipanti via Internet), i circa 3mila di Piccolipiù (attivo in 5 città italiane: Firenze, Roma, Torino, Trieste, Viareggio) e alcune altre coorti meno numerose tra cui GASPII coordinato anch'esso dal DEP.

 

Focus, ottobre 2015, pag. 60-61