• Area Covid-19
    .
  • deplazio
    il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario del Lazio (DEP)
    con sede a Roma è un’istituzione attiva da oltre 30 anni
  • ambientale-valutativo
    il personale del DEP ha specifiche competenze di metodi
    epidemiologici in campo ambientale e valutativo
  • rischi ambientali
    Il DEP fornisce ai decisori le migliori conoscenze epidemiologiche
    per pianificare interventi di riduzione dei rischi per la salute
  • esiti
    Il DEP effettua studi di valutazione degli esiti delle cure sanitarie
  • cure sanitarie
    Il DEP fornisce evidenze per migliorare la qualità
    e l'efficacia delle cure sanitarie
  • inquinamento
    Il DEP valuta i rischi a breve e lungo termine associati
    all’esposizione ad inquinanti atmosferici
  • cambiamenti climatici
    Il DEP valuta l’impatto sulla salute dei cambiamenti climatici
    e degli eventi estremi ad essi associati

Registro Regionale Dialisi e Trapianti Lazio (RRDTL)

Infarto miocardico e aderenza alle terapie farmacologiche PDF Stampa E-mail

infarto miocardico aderenmzaSebbene esistano terapie di provata efficacia nella prevenzione secondaria dell’infarto, una buona parte dei pazienti non assume i farmaci secondo le prescrizioni mediche, e questa scarsa aderenza farmacologica comporta un aumento del rischio di mortalità e di ospedalizzazione.

L’obiettivo di uno studio condotto dal DEP Lazio è stato dunque quello di misurare l’aderenza alla poli-terapia cronica nei pazienti dimessi dall’ospedale con diagnosi di infarto miocardico acuto (IMA), e individuare eventuali fattori di rischio associati, con particolare interesse al setting di insorgenza dell’infarto (dentro o fuori dall’ospedale), valutando – grazie al sistema informativo regionale RAD-R - possibili differenze tra i livelli di aderenza.


Su 25.779 pazienti con diagnosi di IMA, 1.044 (4%) hanno avuto un infarto all’interno dell’ospedale. Complessivamente 15.440 (60%) pazienti sono risultati aderenti alla poli-terapia cronica. La probabilità di essere aderenti era influenzata negativamente dall’età avanzata, dal genere femminile, dalla presenza di disturbi mentali, malattia renale, asma e dalla presenza di trattamenti farmacologici concomitanti. Al contrario, i pazienti con una diagnosi di STEMI e quelli che già assumevano i farmaci E-B in studio hanno mostrato maggiori probabilità di essere aderenti.
È stata inoltre osservata una forte associazione tra l’aderenza e il setting di insorgenza dell’infarto: i pazienti che hanno avuto l’infarto all’interno dell’ospedale hanno mostrato un 46% in meno di probabilità di essere aderenti alla poli-terapia cronica rispetto a quelli con un infarto avvenuto al di fuori dell’ospedale (OR 0,54; 95% CI 0,47 a 0,62; p<0,001).


I risultati dello studio forniscono evidenze su un gruppo precedentemente non identificato di pazienti a rischio di scarsa aderenza, che potrebbe beneficiare di una maggiore attenzione medica e di interventi sanitari dedicati.

 Clicca qui per andare al link della pubblicazione.