• Area Covid-19
    .
  • deplazio
    il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario del Lazio (DEP)
    con sede a Roma è un’istituzione attiva da oltre 30 anni
  • ambientale-valutativo
    il personale del DEP ha specifiche competenze di metodi
    epidemiologici in campo ambientale e valutativo
  • rischi ambientali
    Il DEP fornisce ai decisori le migliori conoscenze epidemiologiche
    per pianificare interventi di riduzione dei rischi per la salute
  • esiti
    Il DEP effettua studi di valutazione degli esiti delle cure sanitarie
  • cure sanitarie
    Il DEP fornisce evidenze per migliorare la qualità
    e l'efficacia delle cure sanitarie
  • inquinamento
    Il DEP valuta i rischi a breve e lungo termine associati
    all’esposizione ad inquinanti atmosferici
  • cambiamenti climatici
    Il DEP valuta l’impatto sulla salute dei cambiamenti climatici
    e degli eventi estremi ad essi associati

Registro Regionale Dialisi e Trapianti Lazio (RRDTL)

Disuguaglianze nella mortalità per stato occupazionale e tipo di lavoro PDF Stampa E-mail

cardiovSulla base dello Studio Longitudinale Romano, condotto dal DEP, è stata valutata l’associazione tra stato occupazionale, posizione lavorativa e mortalità negli uomini e nelle donne residenti a Roma.

Il cancro e le malattie cardiovascolari costituiscono, nella popolazione di età lavorativa censita al 2001 e seguita fino al 2015, circa il 70-80% delle morti complessive, e si riscontra un’associazione significativa tra le variabili indagate (stato occupazionale e condizione lavorativa) e la mortalità. Dalle analisi emergono importanti diseguaglianze nella mortalità per stato occupazionale sia negli uomini che nelle donne.

Tra le tipologie di lavoro, gli uomini con le attività manuali o meno qualificate presentano i rischi maggiori.

Nelle donne le differenze di mortalità tra i diversi tipi di attività lavorativa è meno accentuato, mentre emerge un vantaggio delle donne lavoratrici rispetto a quelle disoccupate o casalinghe.

Proprio questa è la novità principale di questo studio, che approfondisce da un lato il tema dell’occupazione femminile e dall’altro l’impatto che la stratificazione sociale ha in termini di gradiente di salute, suggerendo pertanto una pianificazione di politiche di sanità pubblica integrate e mirate alle classi sociali più svantaggiate.

 

Clicca qui per andare al link della pubblicazione