• Area Covid-19
    .
  • deplazio
    il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario del Lazio (DEP)
    con sede a Roma è un’istituzione attiva da oltre 30 anni
  • ambientale-valutativo
    il personale del DEP ha specifiche competenze di metodi
    epidemiologici in campo ambientale e valutativo
  • rischi ambientali
    Il DEP fornisce ai decisori le migliori conoscenze epidemiologiche
    per pianificare interventi di riduzione dei rischi per la salute
  • esiti
    Il DEP effettua studi di valutazione degli esiti delle cure sanitarie
  • cure sanitarie
    Il DEP fornisce evidenze per migliorare la qualità
    e l'efficacia delle cure sanitarie
  • inquinamento
    Il DEP valuta i rischi a breve e lungo termine associati
    all’esposizione ad inquinanti atmosferici
  • cambiamenti climatici
    Il DEP valuta l’impatto sulla salute dei cambiamenti climatici
    e degli eventi estremi ad essi associati

Registro Regionale Dialisi e Trapianti Lazio (RRDTL)

Ospedalizzazione evitabile per diabete mellito negli immigrati e negli italiani PDF Stampa E-mail

Diabete-mellito-controindicazione-alla-chirurgia-implantareOspedalizzazione evitabile per diabete mellito negli immigrati e negli italiani: i risultati della rete italiana degli Studi Longitudinali Metropolitani

 

L'ospedalizzazione evitabile è riferita a condizioni il cui ricovero non avverrebbe se fosse garantita un'adeguata assistenza primaria al paziente.
Il tasso di ospedalizzazione evitabile è considerato un indicatore di scarsa qualità delle cure. In Italia risiedono molti immigrati per i quali l'accesso alle cure tende a essere limitato a causa di barriere di diversa natura, con conseguente impatto negativo sulla loro salute.

Per esaminare i differenziali di ospedalizzazione evitabile per diabete mellito tra italiani e immigrati, sono stati arruolati 4.595.984 individui di età compresa tra 18 e 64 anni, residenti in 6 coorti aperte della rete degli Studi Longitudinali Metropolitani tra il 2001 e il 2014.
Gli immigrati maschi provenienti da Asia e Africa mostrano un tasso di ospedalizzazione evitabile maggiore degli italiani, al contrario degli immigrati provenienti da Europa centro-orientale e America centro-meridionale. Il risultato può rispecchiare sia una diversa prevalenza del diabete mellito, sia una scarsa presa in carico dei pazienti immigrati che, pertanto, necessitano di un'assistenza mirata al fine di ridurre le disparità osservate.

Cliccando qui trovate il link alla pubblicazione.