• deplazio
    il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario del Lazio (DEP)
    con sede a Roma è un’istituzione attiva da oltre 30 anni
  • ambientale-valutativo
    il personale del DEP ha specifiche competenze di metodi
    epidemiologici in campo ambientale e valutativo
  • rischi ambientali
    Il DEP fornisce ai decisori le migliori conoscenze epidemiologiche
    per pianificare interventi di riduzione dei rischi per la salute
  • esiti
    Il DEP effettua studi di valutazione degli esiti delle cure sanitarie
  • cure sanitarie
    Il DEP fornisce evidenze per migliorare la qualità
    e l'efficacia delle cure sanitarie
  • inquinamento
    Il DEP valuta i rischi a breve e lungo termine associati
    all’esposizione ad inquinanti atmosferici
  • cambiamenti climatici
    Il DEP valuta l’impatto sulla salute dei cambiamenti climatici
    e degli eventi estremi ad essi associati

Registro Regionale Dialisi e Trapianti Lazio (RRDTL)

Efficacia e sicurezza dei PUFA in bambini e adolescenti con disturbo dello spettro autistico: una revisione sistematica PDF Stampa E-mail

pufa bambini autismoRecenti studi controllati randomizzati (RCT) hanno evidenziato l’efficacia degli acidi grassi polinsaturi (PUFA) in bambini e adolescenti con disturbo dello spettro autistico (ASD), ma le linee guida internazionali non hanno ancora preso in considerazione queste prove.

Il DEP ha dunque effettuato una revisione sistematica e una meta-analisi degli RCT, confrontando i PUFA con il placebo o una dieta sana per il trattamento dell'ASD nei bambini e negli adolescenti.

Sono stati inclusi 9 studi con 405 partecipanti, con una netta prevalenza di maschi (83,3%) e un’età media di 6-7 anni. La qualità delle prove disponibili sull’utilizzo di PUFA varia da bassa a molto bassa. I PUFA potrebbero avere effetto superiore, rispetto al placebo, nel ridurre l'ansia. Non sembrano invece avere effetto positivo sulla riduzione di aggressività, iperattività, funzionamento adattivo, irritabilità, stereotipie e comunicazione, mentre potrebbero peggiorare la qualità del sonno.

I principali limiti di questa revisione sono stati il numero ridotto di partecipanti inclusi negli RCT e il dosaggio che variava notevolmente, rendendo difficile valutare l'inferenza causale.
Sono dunque necessarie ulteriori ricerche su questo argomento perché le prove disponibili risultano insufficienti.

Cliccando qui trovate l'articolo.