• deplazio
    il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario del Lazio (DEP)
    con sede a Roma è un’istituzione attiva da oltre 30 anni
  • ambientale-valutativo
    il personale del DEP ha specifiche competenze di metodi
    epidemiologici in campo ambientale e valutativo
  • rischi ambientali
    Il DEP fornisce ai decisori le migliori conoscenze epidemiologiche
    per pianificare interventi di riduzione dei rischi per la salute
  • esiti
    Il DEP effettua studi di valutazione degli esiti delle cure sanitarie
  • cure sanitarie
    Il DEP fornisce evidenze per migliorare la qualità
    e l'efficacia delle cure sanitarie
  • inquinamento
    Il DEP valuta i rischi a breve e lungo termine associati
    all’esposizione ad inquinanti atmosferici
  • cambiamenti climatici
    Il DEP valuta l’impatto sulla salute dei cambiamenti climatici
    e degli eventi estremi ad essi associati

Registro Regionale Dialisi e Trapianti Lazio (RRDTL)

L'aderenza alle raccomandazioni per il controllo del diabete: ciascuno a suo modo... PDF Stampa E-mail

diabete1Il 16 dicembre 2019 si è tenuto a Roma il convegno sul tema “La gestione delle cronicità: il ‘caso’ diabete nel Lazio”.

Il Piano nazionale della cronicità, approvato a Settembre 2016 dalla Conferenza Stato-Regioni, mette in evidenza la necessità di riorganizzare l’assistenza sanitaria attraverso la promozione di nuovi modelli di presa in carico, basati su un sistema integrato e multi-professionale, sottolineando l’importanza del Medico di medicina generale nella gestione del paziente cronico.

Per quanto riguarda il diabete, la Regione Lazio è tra le più attive nella gestione della rete assistenziale: nel 2015 è stato adottato il Piano per la malattia diabetica 2016-2018, che stabilisce le modalità di accesso e di presa in carico del paziente diabetico.

Mirko Di Martino - Dirigente Statistico presso il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario della Regione Lazio - ha posto l’attenzione sulla variabilità nell’aderenza alle raccomandazioni per il controllo della patologia diabetica. Un’eterogeneità molto elevata e apparentemente ingiustificata che si riscontra anche tra le ASL, i Distretti sanitari e i Medici di medicina generale di una medesima regione. L’estrema variabilità osservata sul territorio solleva notevoli problemi di equità nell’accesso alle cure ottimali.

Segue l’intervista a Mirko Di Martino, realizzata da ‘Quotidiano Sanità’.

 https://www.youtube.com/watch?v=Tyjfcf_tbjw