• deplazio
    The Department of Epidemiology of the Lazio Regional Health Service (DEP)
    is based in Rome and has over 30 years of experience
  • ambientale-valutativo

    The staff of the DEP has specific expertise in epidemiological methods
  • rischi ambientali
    Provide decision makers with the best epidemiological evidence
    to plan interventions to reduce health risks
  • esiti
    Outcome evaluation of health care
  • cure sanitarie
    Provide evidence to improve the quality
    and effectiveness of health care
  • inquinamento
    Assess the risks associated with
    short and long term exposure to air pollutants
  • cambiamenti climatici
    Assessing the health impact of climate change and extreme events

Contacts

Via Cristoforo Colombo, 112 - 00147 Roma
Tel. +39 06 99722161/162 - fax +39 06 99722111
e-mail dir_dep@pec.deplazio.it

Corso 18-22 settembre 2017

Registro Regionale Dialisi e Trapianti Lazio (RRDTL)

News

Su BMJ Open uno studio italiano con dati di “real practice” mette a confronto le epoietine biosimilari con i diversi originators

eritrociti2Negli ultimi anni vi è stata un’ampia discussione sull’opportunità offerta dai biosimilari per la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale. L’uso di questi farmaci continua a essere minoritario e i dubbi dei prescrittori e dei pazienti sembrano essere legati a un differente profilo beneficio rischio rispetto agli originator.

Nel caso delle epoetine, i risultati di uno studio recente mostrano la sostanziale sovrapponibilità tra le due categorie di farmaci (originator e biosimilari) sia in termini di efficacia che di sicurezza. Sono queste le conclusioni dell’articolo “Comparative effectiveness and safety of erythropoiesis- stimulating agents (biosimilars vs originators) in clinical practice: a population-based cohort study in Italy” pubblicato su BMJ Open il 10 marzo 2017. Lo studio condotto dal Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale (Asl Roma 1), promosso dalla Regione Lazio ha visto la condivisione del protocollo di studio con un gruppo di lavoro regionale comprendente clinici, metodologi, prescrittori e amministratori. L'articolo, che presenta i risultati della ricerca svolta su una coorte di oltre 13.000 pazienti provenienti dalla pratica clinica nel setting renale o oncologico, fornisce un contributo per la definizione di strategie utili ad un uso razionale di questi medicinali.

Per approfondire consulta l’articolo completo su BMJ Open